News venerdì, marzo 1, 2019 Commento: 0

Il cane: il miglior amico dell'uomo

Avere un cane fa bene alla salute, oltre che allo spirito, per tutte le età. Secondo FederAnziani basta una passeggiata quotidiana con il pet per svolgere una regolare attività fisica all'aria aperta

Tutti coloro che hanno o hanno avuto un cane sanno che sono ottimi compagni di vita: sono affettuosi, ci fanno compagnia e in alcuni casi operano addirittura come volontari in ospedale per la pet-therapy. Ma c'è un altro lato positivo nel possedere uno (o più) cani. Basta infatti una semplice passeggiata con il proprio Fido per svolgere i canonici 20 minuti di attività fisica all'aria aperta consigliati dai medici, con effetti benefici non solo sul corpo, ma anche sull'umore.

 

Avere un cane "fa bene al cuore"...

Un ulteriore aspetto positivo del condividere la propria vita con un amico peloso è che, secondo uno studio condotto in Canada dall'Università di Vittoria, la sua presenza riduce il rischio di subire un attacco di cuore da parte del proprietario. Infatti:

-Chi ha un cane trascorre circa 300 minuti a settimana del proprio tempo all'aperto, mentre chi vive senza animali domestici soltanto 168

-La pressione sanguigna sia sistolica e diastolica è significativamente inferiore in chi possiede un animale domestico rispetto a chi non ce l'ha

-L'esercizio fisico che queste persone sono tenute a fare gioca un ruolo fondamentale anche nell'evitare fratture all'anca

 

 

...e alla salute psichica

I cani sono portatori d numerosi altri benefici psicofisici per tutti i membri della famiglia. Secondo FederAnziani adottare un animale da compagnia è un'azione che porta vantaggi a tutte le parti coinvolte: salute per chi adotta, una casa per gli adottati, un grande risparmio per il Servizio Sanitario Nazionale. La compagnia di un animale mantiene inoltre molto attiva la mente, infatti i possessori di animali domestici presentano un maggiore stima di sè stessi e una minore incidenza di patologie depressive rispetto a coloro che non hanno invece alcun pet. Considerando che in Italia sono circa 4 milioni coloro che soffrono di depressione, aumentare il possesso di animali domestici determinerebbe un risparmio di costi pari a circa 250 mila euro l'anno.

 

Fare sport con il cane: i consigli dell'esperto

Sergio Bottino, Coordinatore dei servizi extra-veterinari per gli animali di Ca' Zampa (prima clinica veterinaria integrata nata a Brughiero in provincia di Milano), afferma che per stare in forma sono sufficienti tre esercizi che vanno dalla semplice passeggiata fino alla vera e propria corsa. Per stare meglio sarebbe sufficiente metterne in pratica almeno uno al giorno per circa 14-16 settimane. Si tratta di movimenti naturali, che soddisfano la necessità quotidiana di movimento dell'uomo. Senza considerare che le endorfine hanno positivi impatti sulla pressione arteriosa elevata e sull'umore.

1.Passeggiata semplice

Ha una durata minima di circa 20 minuti, durante i quali è bene combinare una vera e propria camminata con alcuni esercizi, come far tenere una posizione di controllo al proprio cane (es: seduto), modificare la velocità di andatura o fare delle svolte a destra o a sinistra. Per l'uomo, questo tipo di attività fisica richiede di solito circa 90 pulsazioni al minuto, che aumentano o diminuiscono a seconda della pendenza del terreno. E' quindi consigliabile rimanere su un terreno pianeggiante, dato che variazioni di pendenze possono richiedere un maggiore impegno anche dal punto di vista organico

 

La%20passeggiata%20semplice%20%C3%A8%20i

 

2. Passeggiata con riporto

La passeggiata con riporto è consigliabile per un tempo che va dai 20 ai 40 minuti, richiede un basso impegno all'uomo e medio all'animale. Fondamentali sono due palline o due giochini. Si parte con la condotta del cane al guinzaglio a fianco del padrone, che dovrà comandare al pet una posizione di controllo (resta, seduto, fermo, ecc...) Il passo successivo consiste nel lancio della pallina da parte del proprietario, dando il comando al cane di riportarlo. Una volta ripresa la pallina, ci si sposta di 20/50 passi e si ripete il tutto. 

In esercizi di questo tipo i battiti cardiaci umani non superano, in genere, i 90 battiti al minuto. Per evitare traumi a braccia e spalle, meglio iniziare con lanci corti e aumentare via via. Le pulsazioni del cani invece vanno da 90 fino ad un massimo di 160/170 al minuto. 

Due consigli importanti: il recupero del cane non deve essere da fermo, ma "lento". Inoltre questo esercizio dovrebbe essere svolto su terreni morbidi, come un parco, e non sull'asfalto o terreni duri. Questo per evitare traumi ai polpastrelli del cane nelle fasi di accelerazione e frenata.

 

Lanciare%20la%20pallina%20al%20cane%20ri

 

3.Corsa leggera

La corsa leggera con il cane impegna molto sia il pet che il padrone: le pulsazioni cardiache sono, sulle 140-150 per il cane e 100-120 per l'uomo. Si tratta di un'attività non adatta a tutte le razze. In particolare è sconsigliata per cani particolarmente pesanti come il mastino napoletano o spagnolo. Inoltre è meglio evitare percorsi lunghi o difficoltosi se si è in compagnia di cani di piccola taglia, come lo spitz di pomerania, o brachicefale, come il carlino, il bulldog inglese e francese.

Durante la corsa il cane deve essere istruito di restare accanto al padrone, senza distrazioni e mantenendo il ritmo. Esistono anche delle apposite cinture per il dog trekking, ma non sono necessarie. 

Il padrone, prima di intraprendere questa attività, deve allenare il proprio organismo attraverso un periodo di almeno 2 settimane di passeggiata e passeggiata con riporto, oltre che 10 minuti di riscaldamento da aggiungere al tempo dedicato all'esercizio. 

 

La%20corsa%20leggera%20con%20il%20cane%2

 

Si consiglia di inserire il jogging almeno tre volte a settimana e completare gli altri giorni con almeno uno dei due esercizi a piacimento.

Related by Tags

Commenti

Lascia un commento